Podere della Torre
2020, Tuscany
Photos: Iuri Niccolai https://iuriniccolai.it/

Interior Design: Simone Vannucchi, AYI.M studio

Download PDF

 

Tra i tesori del podere

Eleganza discreta e fascino senza tempo in un casale toscano

Il lavoro di un progettista è fatto di idee e di spunti; spunti che spesso vengono anche dal luogo in cui deve sorgere il prossimo lavoro. A questo proposito, Il Tesoro, a nord di Siena, ha tantissimi spunti progettuali che l’architetto Luca Borgogni ha saputo fare proprio, senza che la propria identità stilistica ne venisse stravolta. Il complesso denominato Il Tesoro, oggetto di un importante opera di ristrutturazione, gode di una posizione particolarmente favorevole occupando la sommità di un’altura che domina l’ampia vallata a nord di Radicondoli, con affacci e vedute a 360° gradi sulla campagna circostante. Si tratta di un’ubicazione estremamente privilegiata e strategica, di proprietà dei signori Angelique Eriksen e Jean-Christophe Tellier, sia per l’esposizione che per il diretto rapporto con il territorio agricolo circostante. Il colle si erge sulla vallata incrociando coni visivi che spaziano dal punto di avvistamento all’incrocio in località il Casone, a ovest di Radicondoli, ai borghi medievali sulle alture circostanti di Monteguidi e Mensano. Il Tesoro deve il suo nome alle importanti scoperte archeologiche dello storico e archeologo Ranuccio Bianchi Bandinelli che, negli anni ’30 del Novecento, rinvenì importanti reperti etruschi, tra i quali monili e gioielli. Il nucleo centrale del complesso è costituito da ciò che resta di una torre di avvistamento medievale posta alla sommità del colle. Il complesso, composto di tre volumi principali, si snoda intorno ad una aia alla sommità del colle, dal quale si dipartono le due vie di accesso e sul quale si affaccia direttamente sia la torre che l’antico fienile recuperato riproponendo l’originale struttura ottocentesca fatta di preziose lavorazioni in laterizio. Il lavoro di restauro, svolto dall’architetto Borgogni con la responsabilità ed il prezioso contributo dell’architetto Simone Braccagni, si è sviluppato intorno al recupero dei volumi e delle forme del nucleo originale sviluppato intorno proprio alla torre. La bellezza e le proporzioni degli ambienti erano, infatti, quasi interamente ostruiti dalla presenza di una quantità di aggiunte e partizioni interne che ne negavano completamente la lettura. Lo sforzo progettuale è stato quello di liberare le strutture rimuovendo il superfluo per tornare alla originale pulizia delle forme. Ecco, quindi, che si è potuto valorizzare e ricomporre il bellissimo cortile centrale che, completato con l’inserimento del maestoso olivo secolare, ne ha esaltato la grande presenza architettonica e la forte centralità. La distribuzione degli ambienti riflette l’organismo originario con una grande zona giorno al piano terra e zona notte al piano primo e secondo fino ad un ambiente pluriuso sotto alla torre. Tutta la zona giorno, con l’ampia cucina a doppia altezza, i soggiorni, l’ingresso e la sala da pranzo si affacciano sui panorami mozzafiato a 360° e, al tempo stesso, sullo spazio raccolto e misurato del cortile interno, vero cuore del complesso. In linea con l’impronta generale del progetto, gli arredi, realizzati con il prezioso contributo di Simone Vannucchi e Lucia Lunghi, si ispirano ad un minimalismo essenziale fatto di rigore e semplicità ma al contempo di ricerca delle forme e delle proporzioni. Le grandi aperture a tutta altezza che, affacciandosi sul cortile, danno luce e aria agli ambienti del piano terra trovano completamento nelle misurate presenze all’interno degli spazi. La fluidità dei volumi e la continuità tra le diverse parti del dinamico piano terra è garantita dalla totale assenza di porte e dell’uso attento e accurato del Travertino dentro-fuori inglobando il cortile centrale e dall’uso attento dei colori neutri ma caldi, ad eccezione del soggiorno con il grande camino, caratterizzato da pareti in rosso. L’uso attento dei materiali, con pietra, travertino, legno e marmi, crea un ambiente piacevole ed accogliente in perfetta armonia con l’eleganza dell’architettura. Interamente inserita nei volumi preesistenti si trova la wellness con la spa, sauna, gym e bagno turco, dove i materiali naturali dei rivestimenti in pietra e travertino scuro creano un ambiente caldo ed accogliente. La piscina è sospesa sull’orizzonte e fusa con il terrazzamento del terreno riproposto adagiando le forme sull’andamento naturale.